Annunci di Lavoro

Gli Chef

I Grandi Cuochi

Parlando di grandi chef torniamo alle origini, ad Apicio, il cuoco dell'Antica Roma del quale sono giunti a noi alcune preziose annotazioni sulla preparazione dei cibi.

La fantasia culinaria del Maestro Apicio notevole, tanto per citare alcune originali pietanze ricordiamo i piedi di cammello e le lingue di diversi uccelli, come i pavoni, condite con salse che, si narra, fossero eccezionalmente gustose.

I condimenti erano, infatti, una delle caratteristiche peculiari delle pietanze dell'antica Roma: il famoso garum, la salsa a base di pesce, le spezie ed il miele erano presenti in tutti i banchetti ed ogni chef si cimentava nella loro preparazione, apportando variazioni personali alle ricette.

La passione per l'alta gastronomia proseguita nel Rinascimento, epoca nella quale le Corti europee si contendevano gli chef migliori per conferire lustro alla propria casata anche attraverso i banchetti, ricchi di piatti gustosi, di servizi da tavola pregiati e di gioiosi canti.

La corte ai migliori cuochi non si affievolita nel tempo ed i Maestri dei fornelli nel Diciannovesimo Secolo sono stati incoronati con il loro toque blanche, il cappello bianco che per tutti il simbolo dell'arte culinaria.

I re delle cucine nella nostra epoca sono poi usciti dal loro regno per partecipare a trasmissioni televisive, donando qualche piccolo segreto ai fans e fornendo consigli su pietanze e locali nei quali scoprire le gioie sublimi della gastronomia.

L'alta cucina si cos avvicinata alla gente comune, l'arte degli chef si mescolata con la pratica quotidiana delle casalinghe e milioni d'italiani si sono avvicinati all'alta gastronomia, attraverso cene in ristoranti eleganti, sagre paesane o tour enogastronomici assai popolari attualmente.